CONGO

“FACCIO IL MECCANICO E AMO LA VITA!”

Storia di Sophie, giovane mamma di Bukavu “Sono Sophie, vivo in Congo, ho 24 anni, sono mamma di due bimbi. HO SEMPRE SCELTO LA VITA NONOSTANTE LA MISERIA E LA SOLITUDINE. Mi aiutano la tenacia e la fede in Dio.

La vita non è facile quando sei giovane, orfana e non hai avuto l’opportunità di finire gli studi: è difficile trovare un lavoro e tutto si complica.  Mi sono fatta carico anche dei miei tre nipoti rimasti soli quando mia sorella è morta.  Ho toccato il fondo tante volte. Pensavo di non farcela… ma alla fine ho sempre scelto la vita: Dio non poteva abbandonarmi!

Un giorno, passando davanti al Centro Don Bosco di Bukavu, ho parlato con alcuni ragazzi che studiavano lì. Mi hanno detto che la scuola era gratuita e che avrei potuto iscrivermi anch’io.

Oggi frequento il Corso di Meccanica Automobilistica. Se mi ammalo qui al Centro mi curano senza chiedere nulla, posso mangiare la mattina e a mezzogiorno senza dover pagare. Inoltre, mi insegnano a pregare e a vivere con gli altri. Quando finirò la scuola, spero di trovare lavoro. Vorrei chiedere un prestito per affittare una casa e vivere lì con i miei piccoli. Vorrei che tutti andassero a scuola e trovassero il loro posto nella vita.”

Oggi Sophie – ci racconta Don Piero Gavioli, Direttore del Centro Don Bosco di Bukavu nella Repubblica Democratica del Congo – ha completato la formazione professionale e ha ricevuto il Certificato di Meccanico Automobilistico. Ha imparato a guidare. Ha voltato le spalle al degrado anche se le sue condizioni di salute non sono buone a causa del suo passato difficile.

Storie

È così che a inizio ottobre 2020 cambio il mio itinerario, mi ritrovo a Madrid, perché finalmente devo riportare Aimée in Congo.

“Voglio diventare un medico per curare tutti” - Mi chiamo Julio Cesar.

La scuola è una grande opportunità - Mi chiamo Ammanuel, ho 26 anni e mi ricordo che quando andavo a scuola l'unica cosa che mi interessava era stare con i miei compagni.

Inizio a giocare e ritrovo la gioia!  Mi chiamo Cynthia, vivo in Burundi e mi piace tanto giocare con la corda a “Juster”.  Questo gioco mi aiuta molto quando ho

Change Someone Life Block

Insieme possiamo farcela

Tanti bambini e giovani hanno bisogno di istruzione, cibo, cure sanitarie, alloggi e sostegno familiare. INSIEME POSSIAMO FARCELA! Dona ora e sostieni le missioni salesiane con il VIS.