ETIOPIA

STORIE DA MEKANISSA

Proteggiamo il loro presente! Mi chiamo Abebe ed ho diciott'anni. Se mi chiedete qualcosa sulla scuola i primi pensieri vanno alle fatiche e alle difficoltà che incontro quotidianamente. Non sempre è facile e non sempre vengono trattati argomenti interessanti ma riconosco la fortuna di poter apprendere perciò mi impegno il più possibile. Se mi fermo a riflettere più in profondità penso invece che venire qui, a scuola, significhi dare speranza al mio futuro che, altrimenti, chissà come e dove sarebbe. Metto in gioco le mie capacità per riuscire a fare sempre meglio e spesso aiuto i miei compagni più in difficolta. Tra di noi si è creato un bel rapporto di aiuto reciproco ed è cosi anche con i professori. Molti di loro sono per me un esempio e mi stimolano a dare il massimo. E, quando questo avviene, è per me una soddisfazione immensa. Magari, un domani, saprò trasmettere anche io questa passione ad altri ragazzi come loro sanno fare con me.

Storie

“Voglio diventare un medico per curare tutti” - Mi chiamo Julio Cesar.

La scuola è una grande opportunità - Mi chiamo Ammanuel, ho 26 anni e mi ricordo che quando andavo a scuola l'unica cosa che mi interessava era stare con i miei compagni.

Inizio a giocare e ritrovo la gioia!  Mi chiamo Cynthia, vivo in Burundi e mi piace tanto giocare con la corda a “Juster”.  Questo gioco mi aiuta molto quando ho

Da Haiti - Carpet e il suo rap sulla resilienza e la positività. Corri verso il tuo sogno!!!

 

Change Someone Life Block

Insieme possiamo farcela

Tanti bambini e giovani hanno bisogno di istruzione, cibo, cure sanitarie, alloggi e sostegno familiare. INSIEME POSSIAMO FARCELA! Dona ora e sostieni le missioni salesiane con il VIS.